Share |

Moratti e Pisapia cosa vi impegnate a fare per Paola Bonzi alla Mangiagalli?

Politica interna e pensieri

Perché il sostegno al Centro di aiuto alla vita è forse più importante del trasferimento a Milano di un dipartimento ministeriale

 

Al direttore - Zapatero in Spagna ha finalmente perso. Zapatero a Milano rischia di vincere con lo stesso metodo: grande apertura al mondo economico e grande spregiudicatezza sui diritti civili. Non penso che Pisapia possa rispondere in modo sincero alla domanda che “Radio Londra” ha posto in tema di aborto. Ottima la stretta di mano, ma la differenza tra i due candidati rimane enorme: forse è troppo tardi perché i milanesi se ne accorgano.
di Giuseppe Zola, Milano

La mia domanda è il colmo della semplicità, e mi auguro sinceramente che ci sia una risposta positiva da entrambi i candidati. Chiedo rispetto e sostegno per coloro che agiscono volontariamente in favore della vita umana, per la vita delle madri e quella dei figli che hanno in grembo. Paola Bonzi è un simbolo laico. Da un quarto di secolo fa nascere bambini che non dovevano nascere. I suoi risultati sono quantificabili, qualità umana a parte, in migliaia e migliaia. Non conosco forma di eroismo civile superiore, realizzata senza umiliare chi rifiuta la maternità, chi ha difficoltà con la maternità, in aiuto a persone fragili socialmente, spesso giovani ed immigrate. Al teatro Dal Verme ci sono stato due volte, e la prima non ero in mutande a difendere Berlusconi dalle aggressioni della procura e dei neopuritani, e un po’ anche a difenderlo da se stesso. Ero lì perché credo sia uno scandalo civile e laico la sordità morale della società occidentale di fronte allo sterminio dei bambini non nati. Chi lavora contro questo sterminio dovrebbe essere il simbolo di una società responsabile, libera, amica sul serio delle donne. I programmi non vanno di moda, ma a me il sostegno al Centro di aiuto alla vita della Mangiagalli sembra più importante del trasferimento a Milano di un dipartimento ministeriale.