Share |

Toniolo e vatileaks tra cardinali

Ieri pomeriggio, nel cortile del palazzo arcivescovile di Milano, il cardinale Segretario di Stato Tarcisio Bertone e il cardinale Dionigi Tettamanzi, arcivescovo emerito di Milano, hanno parlato per qualche minuto. Chi li ha visti discutere, assicura che i volti erano seri. E’ probabile che si sia trattato di un chiarimento dopo le polemiche che hanno riguardato la presidenza dell’Istituto Toniolo, la “cassaforte” dell’Università Cattolica.

Come si ricorderà, nella primavera del 2011 Bertone comunicava a Tettamanzi la decisione di Benedetto XVI di procedere con un rimpasto al vertice dell’Istituto e chiedeva a Tettamanzi di lasciare la presidenza nella mani dell’ex ministro Guardiasigilli Giovanni Maria Flick. Il cardinale di Milano, ormai alla vigilia del pensionamento, aveva risposto rivolgendosi direttamente al Papa, e resistendo alla richiesta. Alcune delle lettere relative alla vicenda sono state pubblicate nei mesi scorsi dal “Fatto Quotidiano” e sono poi finite nel libro di Gianluigi Nuzzi.

La decisione finale era stata quella di mantenere ancora Tettamanzi alla presidenza del Toniolo, per poi far subentrare il suo successore alla guida dell’arcidiocesi ambrosiana, il cardinale Angelo Scola, com’è avvenuto.