Share |

Usa, le suore (forse) la spuntano su Obama. La Corte Suprema blocca l’Obamacare

Usa, con il nuovo anno entra in vigore il tanto atteso Obamacare, la riforma sanitaria promossa dal presidente degli Stati Uniti, ma non una delle sue norme più contestate, quella cioè relativa all’obbligo previsto per i datori di lavoro di fornire ai propri dipendenti contraccettivi e farmaci abortivi. Martedì sera, infatti, è stato uno dei nove giudici della Corte Suprema statunitense, Sonia Sotomayor, a congelare questo dispositivo, che per alcuni enti di ispirazione religiosa era visto come una forzosa imposizione contraria alla libertà di coscienza e religiosa.
LE SUORE DEL COLORADO. Nello specifico, a spingere per un blocco momentaneo di questa norma è stata la causa delle Piccole Sorelle dei poveri, un gruppo di suore del Colorado che opera tra gli indigenti: la Corte d’Appello federale aveva giudicato illegittimo il ricorso del gruppo religioso, il cui servizio d’assistenza non rientra tra le esenzioni che l’Obamacare prevede per parrocchie e istituzioni strettamente religiose. Sarebbero state costrette, così, o ad andare contro la propria coscienza e fornire contraccettivi e pillole abortive, oppure ad incorrere in pesanti multe. Ma la loro causa è arrivata sul scrivania della Corte Suprema e di Sonia Sotomayor, che ha sospeso la sentenza, chiedendo all’Amministrazione un pronunciamento entro domani.
ALTRI 91 ENTI ATTENDONO. Si attendono così i prossimi sviluppi, osservati con attenzione anche al di fuori dell’ordine delle suore del Colorado. Come spiega infatti oggi Il Foglio, dietro a questa causa ci sono «decine di istituzioni cattoliche che fanno capo allo stesso piano di copertura sanitaria, il Christian Brothers Employee Benefit Trust. In tutto ci sono 91 soggetti, fra aziende private ed enti non-profit, che hanno denunciato il mandato del dipartimento della Salute su contraccettivi e aborto e l’Amministrazione ha leggermente ritoccato i regolamenti per concedere un contentino solo ai soggetti d’ispirazione religiosa che lavorano nel non-profit. Le suore del Colorado potrebbero fare scuola in un momento in cui la Corte suprema ha deciso di pronunciarsi sul caso, delicatissimo, di Hobby Lobby, azienda guidata da una famiglia religiosa che si rifiuta di sottostare alle regole dell’Amministrazione. Se alle suore è concessa un’eccezione allora “tutti gli altri soggetti che hanno chiesto di essere esentati per le stesse ragioni saranno protetti” spiega Mark Rienzi del Becket Fund, istituto che rappresenta legalmente la maggior parte dei ricorrenti».

Leggi di Più: Usa Corte Suprema blocca l'Obamacare su condom e aborto | Tempi.it
Follow us: @Tempi_it on Twitter | tempi.it on Facebook