Share |

Comunità "Coppie di preghiera della Visitazione" - Dicembre 2010

MESSAGGIO DA MEDJUGORJE DEL 25 NOVEMBRE 2010
"Cari figli, vi guardo e vedo nel vostro cuore la morte senza speranza, l'inquitudine e la fame. Non c'e' preghiera ne fiducia in Dio percio' l'Altissimo mi permette di portarvi speranza e gioia. Apritevi. Aprite i vostri cuori alla misericordia di Dio e Lui vi dara' tutto cio' di cui avete bisogno e riempira' i vostri cuori con la pace perche' Lui e' la pace e la vostra speranza. Grazie per aver risposto alla mia chiamata."

Cari fratelli e sorelle,
le parole della Madonna pronunciate all’inizio dell’Avvento ci spaventano. Come i profeti dell’Antico Testamento, che proclamavano al popolo la parola rivelata loro da Dio, che non si lasciavano zittire ne’corrompere, la Madonna non cerca e non proclama le false giustificazioni come: ci siamo impegnati; abbiamo fatto tutto il possibile ecc. La Madonna dice: " IO VI GUARDO". Lei guarda dentro il nostro cuore nel quale vede la morte, la disperazione, l'inquietudine e la fame insaziabile. La Madonna vede la tomba nel mio cuore e questo è un vero choc. Come è successo?
Di nuovo è molto importante chiedersi perché la Madonna ha scelto la parrocchia di Medjugorje. In un certo modo a questa parrocchia apparteniamo tutti: i suoi parrocchiani come i pellegrini e i seguaci dei messaggi della Madonna. Perché la parrocchia non ha udito la chiamata alla conversione e alla preghiera?
Perché la fame insaziabile per i beni materiali è diventata l'unica preoccupazione di molti? Quanti falsi missionari e " interpreti malati" di messaggi che la Madonna ha mai detto sono apparsi?
Quanti presbiteri e grandi dignitari della Chiesa si sono disinteressati? Perché non si ode lungo le vie e in famiglia la preghiera che appartiene a una località santa? Perché lungo le strade di Medjugorje si sentono le bestemmie? Perché nei giorni del digiuno ai pellegrini si offre la carne e l'alcool? La Madonna vede tutto questo? E' possibile trovare una giustificazione per la pigrizia e la trascuratezza spirituale? Non è facile essere il parrocchiano di Medjugorje. Sono molto dolenti le parole della Madonna, che non scherza dicendo: " NON C'E' PREGHIERA NE' FIDUCIA IN DIO".
Ha la Madonna qualche possibilità di risvegliare in noi la speranza, la fede e la carità? Anche noi rimaniamo disinteressati a questo messaggio perché non siamo ne' sacerdote, ne' frate, ne' veggenti? "APRITEVI" dice la Madonna, perché è un dono avere il cuore aperto. Questo dono si ottiene pregando. La Misericordia di Dio è grande e ci invita ad aprirci verso la vita e la conversione del cuore. " Sto sulla porta e busso. Chi mi aprirà, io entrerò e cenerò con lui." Sono le parole dell'Apocalisse di Giovanni.
Chi è e che cosa è la " Comunità delle Coppie di preghiera della Visitazione di Maria Santissima ad Elisabetta?". Chi siamo noi? Chi sei tu? " Sei un cadavere vivente! " ha detto la cara Madre.
Svegliati e rivolgiti al Signore e al messaggio della Sua Madre, la quale ci porta il Suo Figlio. Restiamo nelle nostre case pronti a bussare e incoraggiare. Chi sentirà bussare sulla porta e chi riconoscerà la voce? Soltanto chi prega e veglia.
Con questo messaggio siamo giunti all'inizio dell'Avvento. Questo tempo non sia usato per lo shopping e per i falsi valori. Questo tempo sia un radicale ritorno a Dio. La Messe mattutine, i sacrifici, la preghiera famigliare, l'ascolto della Parola di Dio, sono i mezzi più efficaci per la preparazione del nostro cuore, della nostra famiglia e della nostra parrocchia.
in questo mese preghiamo:

Che ognuno di noi si apra a Dio, che è la nostra Pace, Speranza e la nostra fortuna.
Che ognuno di noi si prepari al Sacramento della Riconciliazione e della Santa Comunione, perché il Santo Natale non sia solo un'abitudine bensì un giorno solenne.
Impariamo a perdonare e pregare per la pace nella Chiesa, per la pace fra le genti, la pace nelle famiglie.

Carissimi fratelli e sorelle della Visitazione, siamo ancora molto sconvolti dall'ultimo messaggio della Madonna che in poche parole ha descritto la condizione del nostro cuore, della nostra famiglia, della nostra generazione: il mondo che vaga nelle tenebre, il mondo che sta svuotando il bicchiere della disperazione e non vede e non trova la via d'uscita. In questa notte di disperazione non c'è uno sguardo verso il Cielo, nè una preghiera profetica.
" PERCIO' L'ALTISSIMO MI PERMETTE DI PORTARVI SPERANZA E GIOIA. APRITEVI, APRITE I VOSTRI CUORI ALLA MISERICORDIA DI DIO... RIEMPIRA' I VOSTRI CUORI PERCHE' LUI E' LA PACE E LA VOSTRA SPERANZA..." dice la Madonna.
Il tempo presenta e l'odierna generazione ha bisogno soltanto di questo messaggio. Dobbiamo aprirci al Dio che arriva. Questa è la gioia dell'Avvento... Prepararsi e spalancare la porta al Signore che ci dona la Pace. E' possibile augurare gli uni agli altri "Buon Natale" senza prepararsi alla Sua venuta? La nostra comunità delle coppie di preghiera della Visitazione ci ispira ad avviarci dalla nostra Nazareth ad Ain-Karim. Anche oggi possiamo fare una cosa preziosa mentre altri hanno paura di farlo ! Quest'oggi possiamo "calzarci" di penitenza, di sacrifici, di preghiere, di voti, di vita santa e portare con sè i doni della grazia. I cuori umani con le porte chiuse aspettano il nostro amore verso il prossimo. La chiave che apre ogni cuore è la grazia che si ottiene pregando. La grazia è il dono che ognuno di noi può regalare. Da tempo abbiamo creduto che la Madonna ci chiama perché ama ognuno di noi, Lei ha bisogno di noi. Sono già 30 anni che ci parla. I Suoi messaggi sono la nostra chiamata, il nostro programma. La nostra perseveranza più volte si è scontrata con tante tribolazioni. Una di queste è la partenza del nostro padre spirituale da Shiroki Brieg e dalla Bosnia Erzegovina. Molti si sono disperati e non hanno riconosciuto l'occasione e l''opportunità di mostrarsi fedeli alla Madonna nel tempo della prova. Questo è il tempo della speranza, perciò non ci siamo persi. Questo è il tempo della Speranza che ci porta la Regina della Pace. La Madonna ci invita ad aprirci i grandi doni con la venuta dell'Altissimo. Senza di noi, senza i nostri cuori è impossibile che la Pace e Speranza, la Pace e il bene prendono dimora sulla terra. non è possibile al di fuori dell'uomo. Come la terra riceve la semenza, che per la crescita si prende dalla terra tutto il necessario per la vita, così i doni che vengono da Dio: la Pace, la Felicità, la Speranza cercano il nostro cuore e, per poter crescere e fruttificare prendono da noi stessi le nostre vite e le nostre capacità. Tutto il mondo cristiano ha illuminato le città e le piazze, le famiglie gli ingressi delle case e i balconi, i negozianti le vetrine. Tutto ciò, inconsapevolmente, ci dice che l'uomo aspetta "QUELLO CHE VERRA'". Lo aspetta con le luci accese. Veramente dobbiamo scuoterci e svegliarci dal sonno. Dobbiamo aprire i nostri cuori e le nostre famiglie alla Madonna, che viene e ci porta Gesù Cristo e cerca per loro un posto come per la Santa Famiglia.
Cara famiglia della Visitazione, aiutiamo tutti e ciascuno ad aprire la porta del cuore, la porta alla famiglia della Madre, e Regina della Pace e al nostro Principe della Pace. Questo è il tempo dell'ascolto - della lettura della Sacra Scrittura, dove Lui si dona a noi attraverso la Parola e noi lo riceviamo con la Fede. Questo è il tempo della preghiera fatta con devozione. della preghiera familiare, che scorre dal cuore e sta davanti al Signore chiamandolo "Vieni Signore Gesù". Cari fratelli e sorelle! Impegnamoci a perseverare nell'ascolto e nel vivere secondo i messaggi della Madonna. Non chiudiamo la porta alla nostra cara Madre. Viviamo i messaggi e trasmettiamoli agli altri. Diventiamo i suoi piccoli apostoli.
A voi e ai vostri cari dal profondo del cuore vi auguriamo Buon Natale e una Santa nascita di Gesù e un benedetto e felice anno 2011

SANIELA MATKOVIC
coordinatrice della Comunità della "Visitazione"