Share |

Cultura politica

24 Febbraio, 2013

La Congregazione per la Dottrina della Fede, sentito anche il parere del Pontificio Consiglio per i Laici, ha ritenuto opportuno pubblicare la presente “Nota dottrinale circa alcune questioni riguardanti l’impegno e il comportamento dei cattolici nella vita politica”. La Nota è indirizzata ai Vescovi della Chiesa Cattolica e, in special modo, ai politici cattolici e a tutti i fedeli laici chiamati alla partecipazione della vita pubblica e politica nelle società democratiche.
 

29 Novembre, 2012

In tempi di pesante crisi economica, molti, troppi cattolici statunitensi hanno pensato che il problema più urgente ora fosse quello del portafogli, o del “posto fisso”, o della “copertura sanitaria” Anzitutto, c’è la questione dei “princìpi non negoziabili”: difesa della vita, tutela della famiglia naturale, libertà religiosa e libertà di educazione. Su tutte e ciascuna di queste voci, il carnet del presidente rieletto non è affatto magro: è inquietante. La sua voglia d’imporre all’America lavoratrice l’accesso più che facile ai metodi di controllo delle nascite (contraccezione, aborto e sterilizzazione) 

14 Aprile, 2012

Secondo il Consiglio d'Europa, l'Italia è maglia nera nell'applicazione delle sentenze pronunciate dagli organi dell'Unione. La Corte europea per i diritti dell'uomo pronuncia una quantità industriale di sentenze di condanna verso il nostro Paese, censurando soprattutto la lentezza dei processi e il ritardo nei risarcimenti. 

12 Aprile, 2012

Crollano le Borse, aumenta lo spread, manca il lavoro, crescono le tasse, la gente s'immiserisce. Le formulette contabili non risolvono guai come quelli che la crisi mette solo spietatamente in luce. Ciò che serve sono altri uomini, uomini diversi.

17 Dicembre, 2011

Ecco come Ciampi, Napolitano, Draghi e compagni hanno permesso la vittoria del socialismo mondialista di Mario Monti. Chi avrebbe mai immaginato che il 150esimo anniversario dell'unità italiana si sarebbe concluso con un pesante esproprio di sovranità nazionale? E come immaginare che il principale artefice del commissariamento del nostro Paese da parte di "poteri forti" sovranazionali sarebbe stato quello stesso presidente della Repubblica Giorgio Napolitano che, più di ogni altro, si era adoperato per celebrare la nascita dello Stato nazionale italiano?

7 Dicembre, 2011

C'è qualcosa di sorprendente – per me, cattolico – nel silenzio della Chiesa di fronte a quello che sta accadendo in Italia e in Europa (come di fronte alla sanguinosa guerra alla Libia o ai tamburi di guerra che arrivano dal Medio Oriente attorno alle armi nucleari iraniane). I vescovi e la Santa Sede ci hanno abituato a un grande interventismo (per molti perfino esagerato).E' dunque strano che da settimane non si sia sentita una parola su una crisi che rischia di travolgere l'Europa e il mondo intero e che ha come epicentro l'Italia.

13 Novembre, 2011

Parole preziose le verga a questo proposito Papa Benedetto XVI che, nell’enciclica Caritas in veritate (2009)  Oggi, in particolare, «il processo di globalizzazione potrebbe sostituire le ideologie con la tecnica, divenuta essa stessa un potere ideologico, che esporrebbe l’umanità al rischio di trovarsi rinchiusa dentro un a priori dal quale non potrebbe uscire per incontrare l'essere e la verità»

7 Novembre, 2011

Gli equidistanti aborrono lo spirito di sacrificio, soprattutto quando si manifesta nella lotta: scegliendo di non combattere sono rassegnati alla sconfitta (oggi ritengono inevitabile la vittoria dell'Islam come ieri ritenevano quella del comunismo)

21 Ottobre, 2011

Se fossi un politico, mi ricorderei che molti elettori ispanici sono ancora cattolici e, quindi, vorrei sapere come la Chiesa cattolica negli Usa si sta ponendo nei confronti della crescente importanza politica degli ispanici. Sono rimasto molto colpito dal discorso tenuto l’11 ottobre alla Loyola Marymount University dall’Arcivescovo di Los Angeles, José Gomez, su “Un’America più grande: la missione ispanica e la nuova evangelizzazione”.

11 Ottobre, 2011

l’Italia è arretrata rispetto alle nazioni «civili» dell’Europa protestante – e magari oggi anche a nazioni un tempo cattoliche i cui leader, come Zapatero, hanno «coraggiosamente» saputo rifiutare il cattolicesimo..Si tratta allora di «modernizzare» l’Italia a forza, se del caso facendosi aiutare dallo straniero più «civile» e protestante, come insegnano del resto il Risorgimento

12 Settembre, 2011

E' legittimo fare pressioni morali e psicologiche sul contribuente affinché paghi le imposte senza contemporaneamente ricordare l'ingiustizia di uno Stato che chiede allo stesso contribuente la metà (48 x cento) dei propri guadagni?

11 Agosto, 2011

Benché avessero sostenuto la candidatura a sindaco di Giuliano Pisapia, sono gli stessi musulmani ad ammettere di non volere pregare tutti insieme in un unico luogo di culto a Milano

15 Giugno, 2011

L'esito del referendum che riguardava l'energia nucleare ci impone la domanda sul dopo. La risposta: allora adesso puntiamo tutto sulle rinnovabili appare troppo semplicistica. Anzitutto una constatazione.

10 Giugno, 2011

Ci eravamo ripromessi, dopo l’editoriale di ieri, di non ritornare sulla questione referendum. Ma il fiume di interventi a favore dei quesiti sull’acqua da parte di vescovi, preti, associazioni cattoliche, giornali, per non parlare della carnevalata di padre Zanotelli e soci in piazza San Pietro, ci costringe a tornare sull’argomento.

7 Giugno, 2011

Una nuova generazione di politici cattolici «è difficile che si realizzi» se i cattolici continueranno a conformarsi «al mondo e ai suoi venti di opinione» invece che ispirarsi alla dottrina sociale della Chiesa. Lo sostiene in questa intervista il vescovo di Trieste Gianpaolo Crepaldi, autore del recente manuale Il cattolico in politica (Cantagalli)..

25 Maggio, 2011

Perché il sostegno al Centro di aiuto alla vita è forse più importante del trasferimento a Milano di un dipartimento ministeriale.

11 Maggio, 2011

E’ ancora molto diffusa la convinzione che le elezioni amministrative non riguardino le grandi questioni di valore, ma piuttosto le “cose da fare”. "Al sindaco – dicono in molti – io chiedo che mi faccia vivere meglio". E con questo si intende i mezzi pubblici, i parcheggi, l’ordine, i giardini, gli asili, le rotonde e così via.

14 Marzo, 2011

Ci sono periodi in cui sembrano arrivare solo sciagure e pericoli. Come oggi, in cui è in atto una grave recessione, il Mediterraneo è in fiamme e c’è perfino una catastrofe in Giappone.

11 Febbraio, 2011

Intervista al presidente Berlusconi. “C’è un piano antidemocratico, gestito da procure spioniste e con giacobini al seguito, per liberarsi di me evitando il voto. Ma io non cedo, e al Quirinale c’è un galantuomo”

8 Febbraio, 2011

Ma siamo sicuri che non ci sia un pezzettino d’Italia indisponibile come noi a darla vinta ai puritani del Palasharp e di Repubblica? Possiamo riunire in un teatro milanese gente per cui il partito dei pm militanti, delle intercettazioni e delle pornogallery, dello spionaggio ad personam e dell’ipocrisia moralistica is unfit to lead Italy, come disse un tempo l’Economist di Berlusconi? Siamo in mutande, ma vivi.

25 Gennaio, 2011

Che delusione, per i moralisti dell'ultima ora, la prolusione del cardinal Bagnasco al Consiglio permanente della Cei! Si aspettavano che il presidente dei vescovi italiani vestisse i panni dell'inquisitore e accendesse il rogo con cui bruciare sulla pubblica piazza il Grande Peccatore.

19 Gennaio, 2011

L’agenzia stampa della Cei difende il Cav: Vittorio Messori spiega perché l’etica privata dei leader è secondaria per la Chiesa

1 Dicembre, 2010

Domani si apre a Roma un significativo convegno sull'unità d'Italia, che vedrà - oltre al ritorno sulla scena pubblica di Dino Boffo - l'intervento di studiosi e del presidente del comitato per le celebrazioni, Giuliano Amato. Il promotore però non è lo Stato italiano. È il leader storico dei vescovi, Camillo Ruini.