Share |

La Fede nel mirino

1 Luglio, 2015

Quando parliamo di cristiani perseguitati non basta denunciare, seppure anche questo sia necessario; non basta ricordarli nella preghiera, per quanto sia questa la prima arma da usare per correre in loro difesa; dobbiamo soprattutto imparare da loro, dobbiamo guardare alla testimonianza di Cristo che rendono a noi e al mondo intero chiedendo a Dio di darci la stessa forza e la stessa fede.

 
22 Aprile, 2015

 L’uomo smascherato dopo essersi ferito: trovato un arsenale in casa. Progettava un attacco e voleva andare in Siria. È anche sospettato dell’omicidio di una donna

 

20 Aprile, 2015

«Perché? Perché ci hanno fatto questo? Che cosa abbiamo fatto per meritarlo?». Sono passati tre mesi da quando centinaia di islamisti hanno bruciato in poche ore la chiesa del pastore protestante Musa Issa, in Niger. «Hanno preso le panche, le Bibbie, le sedie, gli altoparlanti e hanno bruciato tutto. E mentre lo facevano, gridavano “Allahu Akbar”. Mi sono sentito così triste, che ho cominciato a piangere».

18 Aprile, 2015

12 le persone gettate in mare da un gommone carico di migranti che dalla Libia stava raggiungendo le coste siciliane durante una lite tra musulmani e cristiani. La polizia ha fermato 15 persone indagate per omicidio plurimo che sarebbero state riconosciute dagli altri migranti.

 
3 Aprile, 2015

Dopo una lunga giornata di terrore, si è concluso con 147 studenti morti e 79 feriti l’attacco terroristico di ieri all’università di Garissa, una cittadina del Kenya. Le forze dell’ordine hanno ucciso quattro terroristi liberando circa 500 ostaggi. L'attacco è opera degli Al Shabaab, islamici legati ad Al Qaeda. Hanno separato cristiani e musulmani per uccidere solo i primi.

28 Marzo, 2015

«Volete la protezione della polizia? Pagate la jizya». È quello che alcuni residenti pakistani del quartiere di Youhanabad, a Lahore, si sono sentiti dire dagli ufficiali della polizia della città, che vogliono vendicarsi per l’uccisione di due musulmani.
Il 15 marzo, dopo che due attentatori suicidi si erano fatti esplodere davanti a due chiese del quartiere di Youhanabad, uccidendo 19 persone, una folla aveva linciato e ucciso due musulmani sospettati di essere collegati ai terroristi. 

18 Marzo, 2015

In India orientale, un'anziana suora ha subito uno stupro di gruppo tentando di impedire ad alcuni malviventi di saccheggiare una scuola di una missione cristiana. La religiosa 74enne è stata ricoverata in condizioni gravi ma stabili.

 
17 Marzo, 2015

Chiese e simboli cristiani in Iraq ancora sotto la scure dei jihadisti dell’Isis. Lo scrive Fox News che riporta tweet dei jihadisti che mostrano le immagini della devastazione dei luoghi sacri con statue, icone e pietre tombali distrutte. In un’altra foto viene rimossa una croce da una chiesa e al suo posto issata la bandiera nera.

15 Marzo, 2015

I responsabili sono militanti del Jamaat-ul-Ahrar. I luoghi di culto colpiti sono la cattolica St. John e la protestante Christ Church. Quasi 2mila persone erano nelle chiese al momento delle esplosioni. Una folla inferocita lincia e uccide uno degli attentatori.

2 Marzo, 2015

Quest’anno la Quaresima bussa alle nostre porte con le minacce dell’Isis. Ma a guardare bene, sulle porte che ci separano dalla storia cola il sangue dei molti fratelli “assassinati per il solo fatto di essere cristiani”, come ha detto Papa Francesco

26 Febbraio, 2015

Non illudiamoci: il sangue dei cristiani versato in Iraq e in Siria sarà presto anche il nostro sangue. Se non salveremo loro non ci salveremo neanche noi. A prescindere da ciò che percepiamo e da ciò che ci piace credere.

30 Gennaio, 2015

 «A Natale, Boko Haram voleva incendiare tutte le chiese del Niger e bruciarci vivi». Questo non è avvenuto per una ragione sconosciuta ma le vignette su Maometto di Charlie Hebdo sono state usate come scusa. «I discepoli di Boko Haram ci hanno spiegato che i cristiani devono morire così che loro possano andare in Paradiso. È diabolico. Ma noi non ci lasciamo spaventare perché l’amore è più forte dell’odio».
«

18 Gennaio, 2015

Terminato Natale, basta presepi: ora nel mirino di blasfemi e sacrileghi c’è il Crocifisso, il segno per eccellenza della fede cattolica. Ne è stato distrutto uno (nella foto). In via Matteotti civico 1, a Cinisello Balsamo, peraltro nei pressi di una popolata moschea

13 Gennaio, 2015

Perugia, spaccano una statua della Madonna a calci e ci orinano sopra: caccia alla banda
Una statua della Madonna spezzata, presa a calci e ricoperta di urina. Una “banda” di vandali, secondo quanto riportato dalla Nazione Umbria del 9 gennaio, ha praticamente distrutto la piccola edicola votiva dei giardinetti di via Tilli, nella zona di via Cortonese

9 Gennaio, 2015

Non tutti i 120mila cristiani fuggiti dalle violenze dello Stato Islamico sono riusciti a trovare un alloggio dignitoso. La Chiesa, grazie al sostegno di diverse associazioni, ha messo a disposizione di molte famiglie delle strutture prefabbricate, mentre ad altre ha donato il denaro necessario ad affittare degli appartamenti

3 Gennaio, 2015

Da una parte c’è il mondo di chi era lieto della vita, aveva interessi, valori, capacità di sacrificio e di dedizione, che rappresentano una delle caratteristiche fondamentali del nostro popolo. Dall’altra è il mondo nero, senza colori. Abiti che intristiscono e imprigionano la persona, occhi bassi: ridotte in schiavitù. Guardiamo bene queste foto: sulla nostra società incombe la possibilità della distruzione dei nostri valori fondamentali.

30 Dicembre, 2014

In India, quest’anno, i cristiani hanno atteso il Natale in un clima di paura, più ancora che in passato. Sempre più spesso sono infatti oggetto di aggressioni, violenze, abusi da parte dei fondamentalisti indù. Le suore e i sacerdoti che operano in regioni remote temono per la sicurezza dei loro istituti religiosi e per la loro stessa vita. Le scuole missionarie cristiane, anche nei grandi centri urbani, subiscono intimidazioni e sono oggetto di false accuse di proselitismo per il solo fatto che i loro stemmi presentano croci o immagini della Vergine

20 Ottobre, 2014

Peggiora la persecuzione delle chiese in Cina, ma non solo di quelle clandestine. Ora anche le chiese ufficiali sono vittime di «fermi, arresti e interferenze nelle attività religiose dei loro membri»

21 Agosto, 2014

Si può continuare a credere che l’slam e Allah non c’entrino niente con i sanguinari tagliagole dell’Isis, con quelli che filmano decapitazioni e crocifissioni e le mettono su You Tube? Si può, ma sarebbe un'altra menzogna buona solo a tranquillizzare le coscienze davanti a scene terribili, come quella della decapitazione del reporter americano James Foley. Che il Corano prescrive contro gli infedeli.

3 Agosto, 2014

Il 4 aprile 2014, nella sua omelia di Santa Marta, Papa Francesco ha affermato: «Oso dire che forse ci sono tanti o più martiri adesso che nei primi tempi, perché a questa società mondana, a questa società un po’ tranquilla, che non vuole i problemi, dicono la verità, annunziano Gesù Cristo: ma c’è la pena di morte o il carcere per avere il Vangelo a casa, per insegnare il Catechismo, oggi, in alcune parti!

21 Giugno, 2014

Naturalmente dobbiamo rispettare i paesi islamici, la loro religione, ma anche chiedere e pretendere il rispetto dei diritti umani, impedendo ogni forma di violenza su chi desidera vivere come cristiano, ateo o semplicemente come vuole. Non dobbiamo lasciarli soli. Si deve fare il possibile affinchè tutti possano vivere in libertà e in pace. Non possiamo voltarci dall’altra parte pensando che non sia un nostro problema, perché lo diverrà molto prima di quanto possiamo immaginare. di Severis

26 Maggio, 2014

Alla base dei continui rinvii c’è l’importanza di un caso di cui nessuno vuole farsi carico: anche i giudici musulmani sanno infatti che assolvendo la donna potrebbero rischiare di essere uccisi dai fondamentalisti islamici, che oltre ad aver fissato una taglia di 500 mila rupie pakistane sulla testa di Asia Bibi, hanno già ucciso il potente governatore islamico del Punjab, Salman Taseer, e il ministro cattolico delle Minoranze Shabhaz Bhatti, colpevoli di averla difesa e di aver criticato la «legge nera sulla blasfemia».