Share |

La Fede nel mirino

28 Aprile, 2014

Due notizie terribili dal Pakistan. Secondo l’agenzia Asianews, quattro uomini musulmani hanno violentato Sara, una bambina cristiana di sette anni. Il fatto è accaduto ieri nel villaggio di Mally ki, a Daska, nel distretto di Sialkot (Punjab). La bambina, ricoverata nell’ospedale di Sialkot, nel reparto di terapia intensiva, si trova in condizioni critiche.

17 Aprile, 2014

Le violenze contro la minoranza etnico-religiosa Hmong dura da decenni in Vietnam Di conseguenza, si verificano in continuazione interruzioni di celebrazioni, arresti, distruzioni di edifici religiosi, confische di terreni e aggressioni contro i fedeli. Per quanto riguarda la Chiesa cattolica, inoltre, il governo sta cercando di imitare la Cina e fondare una Chiesa patriottica parallela che debba la sua obbedienza al partito invece che al Papa.

3 Aprile, 2014

«Sawan Masih stava bevendo alcol insieme a un amico musulmano, Shahid Imran, quando si sono messi a discutere di religione. Hanno litigato e il giorno dopo Imran l’ha denunciato per blasfemia, scatenando la reazione inferocita di una folla di musulmani che ha distrutto il quartiere cristiano Joseph Colony di Lahore».
Sawan è stato condannato a morte in primo grado lo scorso 27 marzo per false accuse di blasfemia

31 Marzo, 2014

La distruzione di oggetti sacri e la profanazione di chiese non è una novità nella Siria sconvolta dalla guerra. Dovunque siano passati i ribelli e le brigate islamiste, che hanno come obiettivo la costruzione di un califfato islamico, hanno lasciato dietro di loro chiese e croci distrutte.

26 Marzo, 2014

«VIETATO PORTARE LA CROCE». Gli islamisti, da quando hanno preso Raqqa, dopo aver distrutto chiese e croci e bruciato Bibbie, hanno imposto regole precise a tutta la popolazione: i cristiani, se non vogliono essere uccisi o convertirsi all’islam,

6 Marzo, 2014

Il partito comunista cinese ha cominciato a rimuovere dalla sommità delle chiese le croci perché «troppo vistose». È quanto accaduto settimana scorsa nella provincia costiera di Zhejiang dove più di 200 persone inviate dal governo locale del distretto di Yuhang con l’aiuto di una gru hanno rimosso la croce da una chiesa protestante.

27 Febbraio, 2014

Un manipolo di uomini è entrato la notte del 23 febbraio in un appartamento di un complesso abitativo di Garoutha, sobborgo di Bengasi. Ha chiesto ai residenti chi fosse cristiano e ha prelevato sette egiziani della chiesa copto-ortodossa. Il giorno dopo i loro corpi sono stati trovati dalle forze di sicurezza libiche morti a est della città, tutti con un colpo di pistola alla tesa o al petto: «Sono stati giustiziati».

1 Febbraio, 2014

«I ribelli hanno attaccato anche missioni, parrocchie e chiese. Solo la cattedrale a Malakal è stata risparmiata, dove i sacerdoti hanno ospitato e nascosto moltissime persone, anche di etnie diverse», continua padre Moschetti.  La violenza è «talmente grande» che «la gente abbandona le case e scappa, mentre i ribelli bruciano, rubano e distruggono tutto, ospedali compresi».

28 Gennaio, 2014

 La processione comincia e a tutti egli pone la stessa domanda: “Cristiano o musulmano?”. Chi risponde “musulmano” viene fatto uscire dalla chiesa, chi risponde “cristiano” è costretto a sedersi sui banchi davanti alla linea di tiro delle mitragliette ribelli.

23 Gennaio, 2014

un insegnante di religione avrebbe redarguito un'alunna di terza media colpevole di essersi fatta il segno della croce mentre passava un'ambulanza. L'insegnante riprendeva bonariamente la ragazza ricordandole che un gesto come quello poteva urtare la sensibilità di alunni non credenti o appartenenti ad altre religioni, e le consigliava, per la prossima volta, di limitarsi a toccare ferro.

21 Gennaio, 2014

È ben noto quali siano i paesi in cui i cristiani corrono maggiori pericoli, il giudizio è sostanzialmente unanime e si sintetizza grosso modo nella World Watch List di Open Doors, la classifica dei 50 stati in cui i cristiani subiscono le persecuzioni maggiori, pubblicata all’inizio di ogni anno. La World Watch List 2014 è stata presentata da pochi giorni.

19 Gennaio, 2014

Malawu, Liberia. Storia del pastore Dennis e del suo aiutante, incatenati per tre giorni ad un albero dai membri della società segreta tribale Poro..“Ho sete” dice Dennis dopo qualche ora, ritornando presente a sé stesso. Il ragazzotto strafottente che gli ha fracassato il costato si rialza e gli piscia sulla testa: “il signore è servito” commenta riallacciandosi la patta con un gesto volgare. “Se il suo dio è così potente, che venga lui a dargli da bere”

26 Dicembre, 2013

Dall’Inghilterra arriva, infatti, la notizia della condanna da parte della Corte Suprema al pagamento di una multa di 3.600 sterline (circa 4.400 €) per due albergatori cristiani, Peter e Hazelmary Bull, che nel settembre 2008 si rifiutarono, all’interno del loro hotel, di mettere a disposizione di una coppia omosessuale una stanza matrimoniale.

25 Dicembre, 2013

Iraq, Pakistan, Nigeria, Siria, Indonesia e tanti altri paesi: così i cristiani sotto attacco si preparano alle celebrazioni del 25 dicembre

12 Dicembre, 2013

L'incredibile video (per adulti) delle femministe che hanno gridato ''Aborto sì, aborto no, lo decido io'', poi hanno dato fuoco ad un fantoccio di Papa Francesco.. vi invitiamo a vedere il video di cui si parla nell'articolo

http://www.apostolidellareginadellapace.com/video/video-terribile-di-com...

8 Dicembre, 2013

Ogni 11 minuti un cristiano viene ucciso per la sua fede. Sono i dati presentati ieri alla Camera dei comuni inglese durante una seduta di tre ore dedicata alla persecuzione dei cristiani nel mondo. Nessun’altra religione è colpita come quella cristiana e secondo il parlamentare Jim Shannon questa persecuzione «è la più grande notizia nel mondo che non è mai stata raccontata».

21 Novembre, 2013

L’Europa centrale è la più colpita da atti di odio contro i cristiani. Nel solo 2012 ci sono state 89 profanazioni di chiese in Ungheria, 74 in Austria e 35 in Germania «C’è un’ondata di crimini d’odio contro i cristiani e la Chiesa cattolica in Europa».

9 Novembre, 2013

Mons. Liu ha passato 28 anni in prigione e diversi anni sotto sorveglianza. Non ha mai accettato alcun compromesso col governo e l'Associazione patriottica. Ora il testimone passa ai giovani comunisti convertiti al cristianesimo e a giovani vescovi come mons. Taddeo Ma Daqin di Shanghai.

30 Ottobre, 2013

Duemila copie dell’Herald bloccate all’aeroporto di Kota Kinabalu. Il via libera arrivato a distanza di giorni, grazie all’intervento dell’arcidiocesi di Kuala Lumpur che ha interpellato un politico cattolico locale. Il sequestro ha di fatto impedito la distribuzione delle copie per la messa domenicale. Gruppi attivisti: violata la libertà religiosa.

17 Ottobre, 2013

 Chi difende il credo di un cristiano e la sua libertà è un oscurantista da combattere. Prevale anche in questo caso il sentimento, ma al contrario. Così tutti possono essere liberi, tranne i cristiani. Questo avviene in Europa».

8 Ottobre, 2013

L'attentato alla chiesa di Ognissanti a Peshawar, in Pakistan, è il più grave attacco anti-cristiano in un Paese in cui le discriminazioni religiose sono già molto forti. Monsignor Joseph Coutts, arcivescovo di Karachi, analizza la strage: «America ed Europa sono continenti cristiani: gli estremisti sono convinti di poter influire su Washington minacciando o attaccando la nostra comunità».

27 Settembre, 2013

 «Io non ce la faccio più a venire in chiesa, non resisto. Quando arriva il furgone della polizia e quella donna comincia a urlare dagli altoparlanti le sue imprecazioni contro Dio, la religione e contro di me, io mi sento svuotata, annullata.

27 Settembre, 2013

Lo Stato islamico dell’Iraq e del Levante ha bruciato due chiese cattoliche a Raqqa, città trasformata a marzo in un emirato islamico dove vige la sharia..I guerriglieri dello Stato islamico dell’Iraq e del Levante (Isil) sono entrati nella chiesa greco-cattolica di Nostra signora dell’Annunciazione e hanno bruciato tutti i paramenti religiosi. La stessa cosa hanno fatto nella chiesa cattolico-armena dei martiri, dove hanno anche distrutto la croce che si stagliava sopra la torre e l’hanno rimpiazzata con la loro bandiera che inneggia al jihad.