Share |

Viaggi apostolici

28 Marzo, 2015

Botta e risposta tra le suore di clausura e Luciana Littizzetto. Al centro del contendere l'incontro di Papa Francesco, durante la visita a Napoli, in Duomo con il clero e i religiosi. Tra loro anche le suore di clausura, arrivate da sette conventi con un permesso speciale come accade in queste occasioni. Suore che si sono messe in luce per il davvero caloroso e gioioso saluto a Francesco.

20 Gennaio, 2015

Vorrei ritornare un attimo all’incontro che ha avuto con le famiglie. Lì ha parlato della “colonizzazione ideologica”. Ci potrebbe spiegare un po’ meglio il concetto? Poi si è riferito al Papa Paolo VI, parlando dei casi particolari che sono importanti nella pastorale delle famiglie. Ci può fare alcuni esempi di questi casi particolari e magari dire anche se c’è bisogno di aprire le strade, di allargare il corridoio di questi casi particolari?
 

18 Gennaio, 2015

Davanti a una bambina di Manila che scoppia in lacrime domandogli perché i piccoli soffrono, Francesco straccia il discorso preparato e parla a braccio. Ricorda la volontaria morta ieri a Tacoblan. E ai ragazzi dice: non siate «giovani museo» pieni di informazioni, ma siate sapienti imparando ad amare e a lasciarvi amare..All'inizio del suo intervento, il Papa si era lamentato per la scarsa rappresentanza di ragazze nelle testimonianze dei giovani. 

13 Gennaio, 2015

Sarà una Chiesa dignitosa, convinta e vibrante quella che da oggi accoglierà Papa Francesco. I cattolici dello Sri Lanka hanno atteso a lungo questo giorno. Non sarà la prima visita papale al paese, San Giovanni Paolo II lo visitò nel 1995. Anche questa volta la visita includerà il riconoscimento della santità del Beato Joseph Vaz, apostolo dello Sri Lanka: la sua canonizzazione. I vescovi hanno guidato con costanza il processo di canonizzazione di un santo che la gente considera il salvatore della propria fede.

 
18 Agosto, 2014

«Se vogliamo comunicare in maniera libera, aperta e fruttuosa con gli altri, dobbiamo avere ben chiaro ciò che siamo». Lo ha detto papa Francesco ai vescovi coreani nel quarto giorno della sua visita nel Paese, richiamando la necessità di avere ben chiara la propria identità. E ai giovani ha chiesto di «portare la sapienza della fede in ogni ambito della vita sociale»

Testo integrale OMELIA MESSA PER LA PACE

28 Maggio, 2014

Non ha dimenticato poi «le comunità cristiane, che soffrono tanto, ed esprimere la gratitudine di tutta la Chiesa per la presenza dei cristiani in quella zona e in tutto il Medio Oriente. Questi nostri fratelli sono coraggiosi testimoni di speranza e di carità, “sale e luce” in quella Terra. Con la loro vita di fede e di preghiera e con l’apprezzata attività educativa e assistenziale, essi operano in favore della riconciliazione e del perdono, contribuendo al bene comune della società».

26 Maggio, 2014

Gli è stato chiesto se anche altri Papi faranno la scelta di Benedetto XVI di dimettersi. «Io farò quello che il Signore mi dirà di fare», ha risposto. «Pregare, cercare di fare la volontà di Dio. Benedetto XVI non aveva più le forze, e onestamente, da uomo di fede, umile qual è, ha preso questa decisione. Settant’anni fa i vescovi emeriti non esistevano. Cosa succederà con i Papi emeriti? Dobbiamo guardare a Benedetto XVI come a un’istituzione, ha aperto una porta, quella dei Papi emeriti. La porta è aperta, ce ne saranno altri o no, Dio solo lo sa. Io credo che un vescovo di Roma se sente che le forze vanno giù deve farsi le stesse domande che si è fatto Papa Benedetto».

 
28 Luglio, 2013

Alle 8.30 a Rio (le 13.30 in Italia) tutto il lungomare di Copacabana, dal primo all’ultimo metro, è già completamente fasciato di gente da tutti e due i lati – spiaggia e asfalto – in attesa dell’arrivo del Papa, che inizierà la messa alle 10. è uno spettacolo da togliere letteralmente il fiato, mentre altra gente continua ad arrivare e gli organizzatori stanno piazzando nuove transenne perché non si sa più dove poter mettere la gente.

 
27 Luglio, 2013

Carissimi fratelli in Cristo,
Guardando questa cattedrale piena di Vescovi, sacerdoti, seminaristi, religiosi e religiose venuti da tutto il mondo, penso alle parole del Salmo della Messa di oggi: «Ti lodino i popoli, o Dio» (Sal 66). Sì, siamo qui per lodare il Signore, e lo facciamo riaffermando la nostra volontà di essere suoi strumenti affinché non solo alcuni popoli lodino Dio, ma tutti. 

26 Luglio, 2013

Il viaggio di Papa Francesco nella parte più difficile di quelle che ama chiamare «periferie dell’esistenza» – prima della gioia con i giovani a Copacabama – è stato occasione di riaffermare un suo insegnamento più volte ripetuto: che bisogna combattere la povertà materiale, ma la povertà più insidiosa è quella spirituale. E la povertà spirituale si esprime nel relativismo e in nozioni del bene comune che ignorano la vita, la famiglia e l’integrità della persona, definite «pilastri» senza i quali le nazioni, per quanto possano svilupparsi economicamente, crollano.

4 Ottobre, 2012

“Nella crisi attuale che interessa non solo l’economia, ma vari settori della società, l’Incarnazione del Figlio di Dio” ci invita alla speranza, ci dice che anche nei momenti difficili non siamo soli: è quanto ha detto il Papa oggi durante la Messa a Loreto in occasione dei 50 anni del viaggio nella città marchigiana di Giovanni XXIII e per raccomandare alla Vergine il Sinodo sulla nuova evangelizzazione e l’Anno della Fede.

Omelia del Santo Padre

16 Settembre, 2012

L'immagine del piccolo cedro piantato in un giardino da Benedetto XVI insieme al presidente Michel Sleiman resterà tra i simboli più chiari di questo coraggioso viaggio - in un contesto difficile e drammatico - dell'uomo vestito di bianco (l'homme en blanc) che ha incoraggiato tutti i libanesi a non avere paura, come titola in prima pagina il quotidiano "L'Orient Le Jour".Se "vogliamo la pace, difendiamo la vita" ha esclamato con forza il Papa, ricordando subito dopo che il male non è anonimo e che il demonio cerca sempre come alleato l'uomo. 

Omelia del Santo Padre alla messa a Beirut*Il Papa ai giovani Libanesi*discorso del Papa ai Vescovi*Il Papa alle comunità religiose mussulmane

14 Settembre, 2012

Il pontefice sui fondamentalismi: «Falsificano la religione. È dunque il compito della Chiesa e delle religioni è: purificarsi» il messaggio fondamentale della religione è d’essere contro la violenza che è una falsificazione, come il fondamentalismo. Deve essere per l’educazione e l’illuminazione e la purificazione delle coscienze, per renderle tolleranti, capaci di dialogo, riconciliazione e pace».

13 Settembre, 2012

Il viaggio apostolico di Benedetto XVI in Libano che si svolgerà da domani a domenica, arriva in un momento drammatico per tutto il Medio Oriente. Il divampare delle violenze in Libia, l'uccisione dell'ambasciatore statunitense Chris Stevens, gli incidenti causati dalla diffusione di immagini offensive del Profeta Maometto in una data simbolica come l'11 settembre, hanno messo in ulteriore allarme i sacri palazzi su eventuali rischi della visita di Benedetto XVI. Già nelle settimane passate il timore per un allargamento del conflitto siriano al Libano aveva fatto temere per il viaggio del Papa, tuttavia il direttore della Sala stampa, padre Federico Lombardi, ha fatto sapere "che il viaggio non è stato mai in discussione", e la visita dimostra la volontà e la determinazione del Pontefice di recarsi nella regione.

16 Luglio, 2012

Dopo trentadue anni il Papa torna a Frascati. Il beato Giovanni Paolo II arrivò l’8 settembre 1980. Benedetto XVI vi presiederà domani la celebrazione eucaristica domenicale. Alla vigilia dell’evento Avvenire ha intervistato monsignor Raffaello Martinelli, bergamasco, alla guida della diocesi tuscolana dal 2009 dopo quasi trent’anni di servizio alla Congregazione per la dottrina della fede.

29 Marzo, 2012

 «Quando la Chiesa mette in risalto questo diritto, non sta reclamando alcun privilegio. Pretende solo di essere fedele al mandato del suo divino Fondatore, cosciente che dove Cristo si rende presente, l'uomo cresce in umanità e trova la sua consistenza»

28 Marzo, 2012

desidero incoraggiare le autorità governative della Nazione a rafforzare quanto già raggiunto ed a proseguire in questo cammino di genuino servizio al bene comune di tutta la società cubana". Secondo Ratzinger, "il diritto alla libertà religiosa, sia nella sua dimensione spirituale sia in quella comunitaria, manifesta l'unità della persona umana che è, nel medesimo tempo, cittadino e credente". Inoltre, "legittima anche che i credenti offrano un contributo all'edificazione della società"

Omelia della messa all'Avana* Omelia a Santiago de Cuba* Il Papa in Messico rilancia il grido:"Viva Cristo Re" * Messico il Papa ai bimbi:"ognuno di voi è un regalo di Dio al mondo"* Il Papa ai vescovi:"Siate vicino agli esclusi" Da Avvenire

25 Marzo, 2012

MESSICO
Un appuntamento atteso, vissuto con grande calore: l'incontro del Papa con i bambini, nella serata di sabato in Messico (la notte tra sabato e domenica in Italia) nella Plaza de la Paz di Guanajuato, dopo una visita di cortesia al Presidente federale, si è trasformato per Benedetto XVI in un bagno di umanità e di tenerezza, di canti e di preghiere

25 Marzo, 2012

«In tempi di prova e dolore, la Madonna - ha detto il Papa - è stata invocata da tanti martiri che, al grido “Viva Cristo Re e Maria di Guadalupe”, hanno dato una perenne testimonianza di fedeltà al Vangelo e di dedizione alla Chiesa». Che il Pontefice abbia ripreso il grido tanto spesso censurato e vietato dei Cristeros, «Viva Cristo Re e Maria di Guadalupe» dà il tono a tutto il viaggio.

Messico: il Papa ai bimbi "ognuno di voi è un regalo di Dio al mondo" *Il Papa ai Vescovi: "siate vicino agli esclusi"

24 Marzo, 2012

Grandi accoglienze in Messico per Benedetto XVI, che è subito andato al sodo: «La libertà religiosa è basata sulla incomparabile dignità di ogni persona. E non consiste nella sola libertà di culto».

20 Novembre, 2011

Gesù, il Figlio dell’uomo, il giudice ultimo delle nostre vite, ha voluto prendere il volto di quanti hanno fame e sete, degli stranieri, di quanti sono nudi, malati o prigionieri, insomma di tutte le persone che soffrono o sono messe da parte; il comportamento che noi abbiamo nei loro confronti sarà dunque considerato come il comportamento che abbiamo nei confronti di Gesù stesso.

17 Novembre, 2011

Benedetto XVI parte per la seconda volta con destinazione Africa. Si recherà in Benin, paese da pochi milioni di abitanti, oasi di pace in mezzo alla guerra, che è stato guidato nella transizione dal colonialismo, al marxismo, fino alla democrazia dalla Chiesa locale

26 Settembre, 2011

Nel week-end il Papa si è chiesto che cosa possono fare i cristiani in una società «in cui non poche persone vogliono, per così dire, "liberare" la vita pubblica da Dio».