Share |

intervista

13 Ottobre, 2014

«Indegna, vergognosa, completamente sbagliata». Condanna senza appello della relazione sulla prima settimana di lavori sinodali sulla famiglia (la Relatio post disceptationem) letta ieri davanti a papa Francesco dal cardinale ungherese Peter Erdo. L'ha pronunciata, intervenendo ad uno dei circoli minores (le commissioni), non un padre sinodale “qualsiasi”, ma il custode dell'ortodossia della fede cattolica, il cardinale tedesco Gerhard Ludwig Müller, prefetto della Congregazione della Dottrina della Fede (l'ex Sant'Uffizio), assurto negli ultimi giorni a voce di punta di quanti nel Sinodo contestano le annunciate aperture su divorziati risposati, unioni di fatto, convivenze, coppie omosessuali.

 
26 Maggio, 2014

Gli è stato chiesto se anche altri Papi faranno la scelta di Benedetto XVI di dimettersi. «Io farò quello che il Signore mi dirà di fare», ha risposto. «Pregare, cercare di fare la volontà di Dio. Benedetto XVI non aveva più le forze, e onestamente, da uomo di fede, umile qual è, ha preso questa decisione. Settant’anni fa i vescovi emeriti non esistevano. Cosa succederà con i Papi emeriti? Dobbiamo guardare a Benedetto XVI come a un’istituzione, ha aperto una porta, quella dei Papi emeriti. La porta è aperta, ce ne saranno altri o no, Dio solo lo sa. Io credo che un vescovo di Roma se sente che le forze vanno giù deve farsi le stesse domande che si è fatto Papa Benedetto».

 
7 Marzo, 2014

Il Papa ha «confessato» di essersi appropriato del crocifisso di una corona del vecchio confessore appena morto e di portarla sempre con sé. «Ho tolto con un po’ di forza la croce dalla corona del rosario e ho invocato padre José Aristi: "dammi la metà della tua misericordia"». Al termine dell'incontro con i parroci di Roma, quando ormai aveva finito la sua meditazione sulla misericordia con numerosi inserti a braccio sul testo preparato, Papa Francesco ha fatto al suo clero un'ultima confidenza. Ha confessato di aver sottratto una  piccola croce dalla bara di un anziano e santo sacerdote, appena morto.

5 Marzo, 2014

piacciono le interpretazioni ideologiche, una certa mitologia di papa Francesco. Quando si dice per esempio che esce di notte dal Vaticano per andare a dar da mangiare ai barboni in via Ottaviano. Non mi è mai venuto in mente. Sigmund Freud diceva, se non sbaglio, che in ogni idealizzazione c’è un’aggressione. Dipingere il Papa come una sorta di superman, una specie di star, mi pare offensivo. Il Papa è un uomo che ride, piange, dorme tranquillo e ha amici come tutti. Una persona normale».

 
21 Febbraio, 2014

Intervista al Porporato tedesco che introduce la due giorni parlando di bellezza della famiglia e nodo dei divorziati risposati. “Il Papa mi ha chiesto di porre domande, ora discernimento”“Ho fatto una introduzione, di taglio teologico, sulla bellezza della famiglia. Dobbiamo partire da questo punto per affrontare il resto, compresi i problemi brucianti che ci sono. Ho parlato anche del nodo della comunione ai divorziati risposati, ma in questo quadro complessivo”.

15 Dicembre, 2013

Qual è il giusto rapporto fra la Chiesa e la politica? «Il rapporto deve essere allo stesso tempo parallelo e convergente. Parallelo, perché ognuno ha la sua strada e i suoi diversi compiti. Convergente, soltanto nell'aiutare il popolo. Quando i rapporti convergono prima, senza il popolo, o infischiandosene del popolo, inizia quel connubio con il potere politico che finisce per imputridire la Chiesa: gli affari, i compromessi... Bisogna procedere paralleli, ognuno con il proprio metodo, i propri compiti, la propria vocazione. Convergenti solo nel bene comune. 

24 Ottobre, 2013

Fa un lavoro senza precedenti: occuparsi di due Papi contemporaneamente, Francesco e Joseph Ratzinger, non è cosa che accade tutti i giorni. Monsignor Georg Gaenswein, già segretario particolare di Benedetto XVI e ora Prefetto della Casa Pontificia è l’uomo ponte, la memoria storica dei giorni della rinuncia, il collegamento tra il vecchio e il nuovo. Ma guai a parlargli di «rivoluzione» in corso perché a suo dire sarebbe «fuorviante».
Nel senso che la rivoluzione era già iniziata da prima. Sulla talare nera “don Giorgio”, come lo chiamano in curia, indossa una semplice croce d'argento («è quella dell'Anno della Fede con lo stemma di Benedetto XVI dietro») 

24 Agosto, 2013

L’ultimo atto di una guerra con la magistratura in cui «è in gioco il destino del paese». Le giravolte di Letta, il governo agli sgoccioli e la figlia Marina
Anticipiamo l’intervista a Silvio Berlusconi che apparirà sul prossimo numero del settimanale Tempi, in edicola da giovedì 29 agosto fino a mercoledì 4 settembre.

30 Luglio, 2013

Un'ora e venti minuti, sottoposto a un fuoco di domande libere, non preparate. Una conferenza stampa vera e propria, alla quale ha voluto sottoporsi subito dopo il decollo, nonostante la stanchezza per la settimana trascorsa in Brasile. Papa Francesco ha sorpreso i giornalisti al seguito e non ha mancato di rispondere a tutte le richieste, anche le più delicate e spinose, dalla riforma dello Ior al caso Ricca, dalla lobby gay a Vatileaks fino al contenuto della borsa di cuoio nera che ha portato personalmente come bagaglio a mano imbarcandosi sull'aereo.

19 Marzo, 2013

«La luna di miele con papa Francesco di una certa cultura clericale agnostica, atea che tracima da tutti i media e di cui Eugenio Scalfari è papa, sarà bruscamente interrotta quando il Papa comincerà a parlare sul serio e toccherà i temi etici». 
Benedetto XVI nel rinunciare al Pontificato si è riferito a sfide che la Chiesa ha davanti e che necessitano di grande forza per affrontarle. Quali sono queste le principali sfide che ora papa Francesco si troverà davanti?
Anzitutto devo premettere che, contrariamente a Eugenio Scalfari, non è certo mia intenzione suggerire al Papa quel che deve fare. 

14 Marzo, 2013

Jorge Mario Bergoglio, arcivescovo di Buenos Aires, commenta per Vatican Insider i lavori del Concistoro e le parole del Pontefice
Nel recente concistoro, che si è tenuto nel mezzo delle polemiche per le fughe di documenti dalla Segreteria di Stato vaticana, Benedetto XVI ha voluto che i cardinali parlassero della nuova evangelizzazione. E il Papa ha richiamato i porporati allo spirito di servizio, richiamando tutti all’umiltà. 

13 Novembre, 2012

Marco Palmisano, presidente del Club Santa Chiara, dall'ordigno in via Rovani alla nascita di Forza Italia vive tutto in prima linea e tiene legati due mondi: quello di Cl con quello del Cavaliere, ha fatto parte dei Memores Domini, il c osiddetto «gruppo adulto» dei ciellini che dedicano la vita a Dio, nel rispetto delle solenni promesse di obbedienza, povertà e verginità. Ha vissuto con Roberto Formigoni, il Memor Domini più famoso, di cui è stato anche segretario personale, e alla fine del 1975 era già stato uno dei fondatori del Movimento Popolare, il braccio politico di Don Giussani al servizio della Chiesa e della Dc.

Video

26 Ottobre, 2012

«Mio padre mi ha chiamato mercoledì sera. L'ho sentito sereno, come sempre quando prende decisioni di questa importanza. Non agisce mai d'impulso, pondera bene e a fondo. Ma una volta che ha deciso, ha deciso». Marina Berlusconi segue da vicino quello che sta accadendo nel centrodestra e non solo. L'annuncio che il Cavaliere farà un passo indietro non è giunto per lei inatteso.

14 Ottobre, 2012

«C’è un giardino nel mondo dove fioriscono queste meraviglie. Dove accadono cose stupende, inimmaginabili altrove. È la Chiesa di Dio», scriveva ieri. «Nessuno dei potenti e dei sapienti lo conosce. Per loro e per i giornali la Chiesa è tutt’altro. I giornali strapazzano il Vaticano e Benedetto XVI per il Vatileaks. 

Testimonianza di Chiara Corbella, la grazia di vivere la grazia di Benedetta Frigerio* Il giardino della giovinezza che il mondo non conosce di  A. Socci

 

5 Settembre, 2012

Cosa risponderebbe a Martini che nell'ultima intervista dice: «La Chiesa è indietro di 200 anni»?
«Non ho mai polemizzato con lui da vivo, tanto meno lo farei adesso. A mio parere, occorre distinguere due forme di distanza della Chiesa dal nostro tempo. Una è un vero ritardo, dovuto a limiti e peccati degli uomini di Chiesa, in particolare all'incapacità di vedere le opportunità che si aprono oggi per il Vangelo. L'altra distanza è molto diversa. È la distanza di Gesù Cristo e del suo Vangelo, e per conseguenza della Chiesa, rispetto a qualsiasi tempo, compreso il nostro ma anche quello in cui visse Gesù.

18 Luglio, 2012

 

 Il messaggio implicito che arriva dal rapporto è che avere figli e fare famiglia alla fine sembra essere un peso. È un messaggio estremamente pericoloso e infatti dobbiamo cambiare rotta. Mi ha colpito il fatto che le famiglie con tre figli sono particolarmente penalizzate. Dobbiamo pensare come intervenire e ne parleremo con le Regioni.

 
25 Giugno, 2012

Nel corso delle apparizioni, i veggenti hanno ricevuto progressivamente dei segreti che riguardano il futuro della salvezza e le minacce che incombono oggi sul mondo. Mirjana ha ricevuto, per prima, il decimo e ultimo segreto nel Natale del 1982, con questo avvertimento: - Non mi vedrai più d'ora in poi, eccetto il giorno del tuo compleanno e nelle circostanze gravi che lo richiederanno. Ritorna alla fede, come tutti.

22 Marzo, 2012

Quello che sta per iniziare è il secondo pellegrinaggio di Benedetto XVI in America Latina, e l’anno prossimo è già programmato il terzo, nuovamente in Brasile: mi sembra che questo testimoni la sollecitudine del Papa per questo continente».«Guanajuato era rimasto l’unico Stato messicano mai raggiunto da Giovanni Paolo II durante i suoi cinque viaggi nel Paese. In quello Stato più del 90 per cento della popolazione è battezzata nella Chiesa cattolica.